COCA COLA, AK 47 E TUTHANKHAMON SECONDO LA FARNESINA

d

600 morti (e forse più) in quella che ormai si puo’ considerare a pieno titolo un Guerra civile in corso in Egitto. Secondo la Fratellanza Islamica i morti sono oltre 4000 e noi, consapevoli della assoluta menzogna che permea la informazione globale, non esitiamo a stabilire un cifra credibile intorno ai 2000 cadaveri che nel settore dei conflitti “Non convenzionali” non sono trascurabili … La Farnesina ? Cioe’ questa istituzione bizzarra che si occupa di attacchi di squali, tsunami, e pulizie etniche con la identica e leggendaria approssimazione, invita (Udite , udite!) il turistame di bassa categoria , cioe’ quello del tutto incluso (Volo, pasti, letto, massaggio, cammello e animatore clinicamente deficiente) di rimanere nei “Resorts” che e’ ormai vietato peraltro chiamare Hotels o piu’ prosaicamente….Alberghi per non violare la consegna all’inglesismo obbligatorio.
In altre parole, gli Italiani pagano cifre stratosferiche annualmente per un “Ufficio affari esteri” che non suggerisce per ragioni di sicurezza l’accesso all’Egitto da parte di intere famiglie Italiane, ma consiglia loro di rimanere asserragliati come in Fort Apache nei villaggi turistici i quali, nel clima di scontro religioso piu’ che politico in corso nella Nazione Nordafricana, si trasformano tatticamente in bersagli preferenziali !
Perche’ ? Per le stesse ragioni per le quali l’Italia non ha spezzato fosse anche una lancia a favore di un alleato storico come Mubarak quando quest’ultimo e’ stato defenestrato e chiuso in una gabbia sulla scia di una “Primavera Araba” teleguidata da forze esterne ed estranee all’Africa Settentrionale.
La Farnesina, oggi come ieri, si piega alla logica della “Diplomazia mercantile” tentando di non pestare gli alluci a nessuno che possa fare la voce grossa con un Repubblica bananiera come la nostra che, proprio in materia di diplomazia internazionale, e’ avvezza a coprirsi ignomignosamente di vergogna su base mensile.
Quindi…”Andate pure in vacanza in una Nazione dove gli obitori sono ingolfati di cadaveri crivellati dai 7,56 e dove, all’ora della palla a volo in piscina, un invasato imbottito di C4 con un interruttore di abat jour in mano vi dara’ il benvenuto nella terra dei faraoni al grido di “Allah Akbar”!
Tutto, piuttosto che rischiare che la rotta di Suez venga compromessa da dichiarazioni pessimistiche e che i navigli sotto il controllo delle Lobbies di oltreoceano debbano doppiare il Capo per coprire le necessita’ commerciali dell’Africa Orientale , in spaventosa espansione .

Cosa suggeriamo noi ai turisti da carro bestiame di Sharm El Sheik ?

Certamente di preferire un decesso in pigiama nella intimita’ del proprio bilocale piuttosto che in maschera e pinne al buffet di un dormitorio Egiziano.

Cosa suggeriamo agli Italiani a riguardo della Farnesina?

Cambiate questa pessima agenzia di viaggi e trasformate i suoi uffici in una bellissima libreria ! Non sara’ quella di Alessandria …ma vogliamo mettere ?…

Claudio Modola

Precedente COMUNICATO PER IL SOSTEGNO LEGITTIMO AL GOVERNO SIRIANO Successivo MA QUALE TOLLERANZA ?