I Sionisti provocano l’Iran attaccando da un territorio sotto controllo Nato

1378321_10151803264832762_1365939005_n

Postazione iraniana ai confini con l’Afghanistan attaccata dai terroristi sionisti.

Questa notte, un gruppo di circa 200 mercenari salafionisti (whabosalafidi e sionisti) provenienti da un territorio afghano sotto controllo Nato a bordo dei soliti pick-up operanti già in LibiaSiria e Libano, senza che la Natosi chiedesse dove sta andando un convoglio di gente armata con lancia granate, mortai, bazooka e mitra pensati, ha attaccato un posto di controllo appartenente alle forze armate iraniane lungo il confine tra l’Iran l’Afghanistan. 16 soldati iraniani sono stati uccisi nell’attacco e il posto è stato completamente raso al suolo. La battaglia è durata per tutta la notte (dalle 23:30 circa fino alle 02:00), ma non si è visto nelle vicinanze né un elicottero né altri mezzi della Nato. I mercenari del Sion hanno preso in ostaggio altri 8 militari iraniani, mentre un terrorista al soldo del re saudita e di Netanyahu aveva un coltello sotto la gola di un povero ragazzo militare di leva, hanno minacciato con un video di tagliare la testa a tutti se entro l’alba non venivano rilasciati 16 loro complici arrestati qualche mese fa e tenuti nelle carceri iraniane. Questa mattina all’alba, i 16 mercenari del Sion sono stati impiccati nel cortile del carcere militare di Teheran, negli stessi attimi, un commando dei Pasdaran iraniani attaccava la base dei mercenari di Benjamin Netanyahu sul territorio Afghano, liberando gli 8 giovani militari ed uccidendo oltre 80 terroristi. Il resto dei salafionisti si è dato alla fuga.

Fonte:

https://www.facebook.com/lapillolarossa