“È SPARITO UN MILIONE DI EURO DEL RISCATTO PER GRETA E VANESSA”

1444039361-1444039361-1421577061-greta-e-vane.jpgAncora dubbi sui soldi pagati per il riscatto pagato per la liberazione di Greta e Vanessa. Qualcosa manca e gli 007 si guardano tra loro con sospetto.

Qualcosa manca e gli 007 si guardano tra loro con sospetto. Nella sede dell’Aise, l’Agenzia informazioni e sicurezza esterna, ci sarebbero dubbi sulla cifra pagata per liberare le due cooperanti italiane rapite in Siria. Secondo indiscrezioni, riportate da ilTempo, la cifra spesa per le ragazze sarebbe di 13 milioni di euro, non 12 come invece emerso subito dopo il rilascio. In ballo c’è un milione che secondo le voci riporate dal quotidiano romano, qualcuno avrebbe fatto sparire in accordo con i rapitori. I sospetti a Forte Braschi si sarebbero concentrati su alcuni elementi interni. Al tavolo dei rapitori, infatti, qualcuno racconta che una volta arrivati i soldi si sarebbe seduto un “italiano” che ha preteso una parte concessagli senza problemi. E chi sarebbe l’italiano che avrebbe intascato il “bonus”? Secondo le indiscrezioni del Tempo sarebbe un presunto 007 arrivato in Siria per inserirsi o concludere la trattativa trattenendo per sé un parte del riscatto. Ma tra le spie qualcuno ha tradito, probabilmente anche a causa delle forti polemiche scoppiate sulla emorme cifra pagata, facendo partire una serie di indagini interne che avrebbero fatto emergere l’ammanco, anche a seguito di una vicenda emersa nove mesi dopo la liberazione degli ostaggi.

Ad ottobre scorso, infatti, si è diffusa la notizia di una presunta sentenza arrivata dal tribunale islamico Qasimiya che avrebbe condannato lo sceicco siriano Hussam Atrash, uno dei rapitori delle due ragazze italiane. La condanna sarebbe arrivata per “appropriazione indebita” di una parte del riscatto, circa 6 milioni di euro che poi sarebbero stati girati ad altri gruppi terroristici. Ora però questa storia, a quanto pare, avrebbe delle conseguenze anche sull’Italia.

 

FONTE

Comments are closed.