Ma ci fa o c’è? Che si aspettava questo? Stazione che vai…insulto che trovi, evvai col buffone!!!

Il treno triste di Matteo: ogni fermata una contestazione

 

Ad Ascoli una piccola folla che gli grida buffone, a Brindisi un contestatore portato via a forza dalla scorta, a Pescara gli urlano “Vergogna”

 Ad Ascoli una piccola folla che gli grida buffone, a Brindisi un contestatore portato via a forza dalla scorta, a Pescara gli urlano «Vergogna», a Polignano (Bari) altri insulti da una piccola e rumorosa folla.

 Il tour ferroviario di Renzi con il suo treno del Pd si è trasformato in una via crucis. Sul versante adriatico del Paese, a ogni fermata una contestazione, che Renzi minimizza: «Due col telefonino che non riprendono chi applaude». In qualche occasione lui ha provato a lanciare una battuta conciliante, ma con scarso successo. A Polignano in stazione si è rivolto a una signora, chiedendole «come va?» e ottenendo in risposta: «Come a mammeta!». Perlopiù Renzi, sceso dal treno, ha partecipato a eventi al chiuso, ma non sempre è riuscito dribblare la contestazione: nelle stazioni era impossibile controllare del tutto gli accessi.
 
 
 
Precedente Unica italiana, discriminata a scuola. È questa l’integrazione? Successivo Il tradimento al popolo italiano. Disabile vince la graduatoria per la casa popolare: viene scavalcato da una famiglia tunisina